"Trascorriamo il resto della serata infilandoci senza meta nei vicoli di Gubbio, tra ermetici scorci sghembi e indecifrabili prospettive non euclidee. Presto ci ritroviamo nella piazza principale, completamente soli. Come se si fosse scrollata di dosso i turisti prima di coricarsi si lascia sorprendere nuda e perfetta, nel pieno di un sonno ristoratore, che ci regala il privilegio di ammirarla in tutto il suo splendore metafisico. Mi sdraio a terra, facendo aderire bene la schiena al suolo, per assorbire tutta l’energia di questo luogo, e mi avvolgo nel silenzio e nel nero corvo del cielo." SUI PASSI DI FRANCESCO - Diego Fontana